Ambrovit e Florens sono le regine I pronostici trovano conferma

Ambrovit e Florens sono le regine I pronostici trovano conferma
  • in

GARLASCO. Le prime tre giornate di campionato in serie B2 femminile di volley non hanno tradito le attese che davano per grandi favorite del girone A le due compagini pavesi, Ambrovit Garlasco e Re Marcello Farmabios Florens Vigevano. La squadra garlaschese è sola in testa a punteggio pieno e ha saputo capitalizzare al meglio un calendario iniziale sulla carta non impossibile. Dopo la vittoria in rimonta nel match d’esordio ad Acqui Terme, sono arrivate le vittorie nei due incontri consecutivi casalinghi con Beinasco ed Albenga. Il bottino pieno acquista maggior valore se si considera che la squadra di coach Stefano Mattioli lo ha conseguito senza l’apporto di Francesca Bettale che è in via di recupero dopo un intervento al menisco e che potrebbe essere disponibile già nelle prossime settimane. Al suo posto nel sestetto titolare, il tecnico ha utilizzato la giovane Rossignoli (classe ’99) che si è ben disimpegnata. Sabato sera Garlasco andrà a difendere il suo primato sull’insidioso campo della Pro Patria Milano in una gara in cui servirà un approccio subito molto deciso. Vento in poppa anche per il vascello della Florens Vigevano di coach Marco Bernardini, partita alla grande a dispetto di un calendario durissimo. Dopo il match casalingo d’esordio vinto in tre set con Lanzo, erano insidiose e difficili le due consecutive trasferte a Cuneo e Genova al cospetto di avversarie accreditate per un torneo di prima fascia. Caroli e compagne hanno espugnato entrambi i campi racimolando cinque dei sei punti a disposizione ed issandosi, così, al secondo posto ad un solo punto dalla capolista Garlasco. Molto positive le risposte avute da coach Bernardini, sia relativamente ai nuovi innesti, con la regia di Pagnin subito efficace e l’esperienza al centro di Martino molto produttiva, sia dalle conferme, con Lucia Cagnoni che ha segnato 35 punti a Cuneo. Sabato pomeriggio al Palaonomi arriva la matricola Cinisello e la Florens non vuol fermarsi. (f.ba.)