BM – RASSEGNA STAMPA – VOLLEY 2001 GARLASCO VS. SANT’ANNA TOMCAR

GARLASCO PROVA A SOGNARE

SERIE B MASCHILE. LA VITTORIA CONTRO SAN MAURO TORINESE AVVICINA I PLAYOFF.

Il Volley 2001 Garlasco vince ancora, liquida in tre set il Sant’Anna Tomcar San Mauro Torinese e sale a quota 19 punti in classifica. In sostanza, e non senza stupore, la matricola terribile lomellina del campionato di Serie B Unica nazionale maschile arriva alla pausa natalizia molto più vicina ai play off per la promozione in serie A2, distanti solo quattro punti, che non alla zona retrocessione, con i pericoli che sono lontani otto punti. “In teoria, la quota salvezza, che resta l’obiettivo primario della stagione, ora è abbastanza vicina anche se è pericoloso fare paragoni con le passate stagioni visto che questo è un campionato nuovo”, spiega lo scoutman Gianpietro Capoferri che, in questa fase di interregno tra il congedo di coach Giampiero Colombo e l’attesa dell’arrivo di un nuovo tecnico, è il riferimento a trecentosessanta gradi per la squadra maschile di Garlasco. Ad inizio stagione, prudenzialmente le previsioni avevano indicato in ventotto punti la quota alla quale con una certa sicurezza si poteva ipotizzare la salvezza. Mantenendo tale obiettivo, a Garlasco mancherebbero solo nove punti quando ancora mancano tre partite del girone d’andata e tutte quelle del ritorno. Normale, quindi, tanto più dopo l’ultima vittoria ed il colpaccio di sette giorni prima a Monticelli d’Ongina, buttare uno sguardo innocente a quelli che sarebbero sogni mostruosamente proibiti. “E’ evidente che se sapremo andare a vincere ad Asti alla ripresa del campionato dopo la sosta di fine anno, la successiva partita casalinga, penultimo turno di andata, contro Fossano acquisterebbe un sapore davvero particolare ed impensabile alla vigilia del campionato”, dice sereno Gianpietro Capoferri. Effettivamente, se ventotto punti sono la quota salvezza a fine stagione, arrivarci molto vicino al giro di boa di fine andata, tanto più senza alcun tipo di pressione, metterebbe molto sapore a tutto il girone di ritorno dei lomellini.

Fabio Babetto