BM – RASSEGNA STAMPA – GARLASCO, LA BEFFA DEI PUNTI

GARLASCO, LA BEFFA DEI PUNTI

B maschile. In totale più di Torino, che ha vinto 3-1. Moro: “Brucia”.

Ai punti, ovvero sommando i punti segnati nei quattro set dalle due squadre, il Volley 2001 Garlasco vince addirittura 94-93, ma la vittoria da tre punti alla fine è andata al Volley Parella Torino, corazzata del campionato di Serie B unica maschile che già la scorsa stagione aveva conseguito la promozione in serie A2 maschile, campionato al quale ha poi rinunciato in estate non avendo reperito le coperture economiche necessarie per affrontarlo. E’ stata una partita molto bella, intensa e appassionante che la squadra di coach Giampiero Colombo ha giocato col giusto piglio vincendo il primo set autorevolmente e perdendo gli altri tre con un 23-25 periodico che la dice lunga sull’equilibrio e bravura dei lomellini neopromossi al cospetto della big del torneo. E dice molto anche dell’occasione forse persa. Di questo avviso è capitan Andrea Moro, il regista sopraffino del Volley 2001 Garlasco: “Peccato perchè non capita tutti i giorni che una squadra come il Parella sbagli così tanto in una partita”, spiega il palleggiatore anticipando le statistiche che dicono di ben 39 errori gratuiti dei torinesi contro 20 della squadra lomellina e ben 16 battute errate. Insomma, più di due set regalati, ma in questo c’è probabilmente più merito del Volley 2001 Garlasco che demerito effettivo di un Volley Parella che, a un certo punto, ha visto i sorci verdi. “Abbiamo cominciato molto bene spingendo molto in battuta, poi era inevitabile che i nostri forti avversari tornassero dentro la partita e la giocassero con le loro armi senza per altro mai riuscire a dare uno scrollone definitivo perchè noi siamo rientrati ogni volta a giocarcela fino in fondo”. Quali, allora, i dettagli che hanno fatto la differenza soprattutto nei tre set persi in volata? “Abbiamo patito la loro battuta in salto ed è una cosa che non possiamo allenare perchè non abbiamo giocatori in squadra che servono così. Non è un problema, è positivo aver coscienza dei propri limiti e migliorarsi ogni giorno. La cosa importante è che il gruppo c’è e sta crescendo e le due vittorie consecutive da tre punti in trasferta ad Alba e Cirié sono state fondamentali per la nostra autostima, ma anche per la classifica perchè erano scontri diretti”. Resta la soddisfazione di una grande partita contro la corazzata del campionato, ma anche l’amarezza di aver visto sfumare in extremis la possibilità di muovere addirittura la classifica. “Forse ce lo saremmo meritati e comunque ci siamo andati molto vicini. Mi brucia ancora quell’ultimo pallone dopo la grande rimonta. Un pallone così si va a prendere a tutti i costi, ma ci arriveremo, è un’altra tappa di crescita”.

Fabio Babetto