B2F – Garlasco spadroneggia ad Alessandria

Da “La Provincia Pavese”, 14 dicembre 2015

L’Ambrovit Garlasco passa in tre set anche al palaCima di Alessandria giocando due set da vera padrona e poi amministrando nel terzo i sussulti orgogliosi della formazione piemontese di coach Ruscigni. La bravura di Garlasco è stata non solo quella di imporre fin da subito il proprio ritmo, ma anche la capacità di far giocare male le avversarie finite in difficoltà fin dalle prime battute in modo particolare patendo in ricezione il servizio Ambrovit. Caroli apre le danze con un primo tempo tonante, il turno in battuta di Cozzi spariglia subito la sfida costringendo le locali a ricezioni problematiche. La capitana mette anche a segno l’ace dello 0-4, Caroli replica con una sassata nei tre metri e coach Ruscigni, furente, è già in time out. Sacco mura Cagnoni, ma Bettale incrocia in zona di conflitto (3-7), Cozzi gioca col muro alessandrino (5-10), Freni firma l’ace che tiene a distanza (8-12), un paio di errori gratuiti di fila allargano il margine (10-16) alla seconda sospensione tecnica. Ruscigni esaurisce i time out sull’11-18, Freni mette un altro ace (14-22), Bettale incrocia stretto imprendibile, Alessandria attacca largo e il primo set è in ghiaccio. Si riparte con il turno in battuta di Pagnin che fa subito la differenza, Caroli mura per lo 0-3, la ricezione di Alessandria è imbarazzante e Cozzi ci va a nozze al servizio (1-6). Cagnoni buca il muro per il 2-8, la fast di Freni passa per il 3-10, Cozzi è ovunque e Garlasco vola fino al 4-12 su cui Ruscigni chiede tempo. Tuttavia non c’è molta partita e Ruscigni, quasi d’ufficio, vuole ancora time out sul 7-19, ma, per come intende volley uno come lui, gli ci vorrebbe una bottiglia di digestivo per provare in qualche modo a mandar già la partitaccia delle sue ragazze. Normale che Cozzi chiuda di fino una frazione scivolata via senza alcun sussulto. Breve equilibrio iniziale nel terzo set, Garlasco scappa sul 4-9 e si fa parzialmente recuperare su di un paio di ricezioni negative di Bettale (7-9) e poi si deconcentra un pò sino a subire l’ace del 10-10. Prosegue l’equilibrio per diversi cambi palla, poi Bettale firma un’ace per il 14-17 dopo un sontuoso muro di Cagnoni. Caroli pigia il primo tempo rabbioso e poi il muro del 17-22. Il libero Filippi Pioppi para di tutto ed è la migliore per la Ambrovit, Cozzi mette a terra cadendo una palla davvero impossibile (17-23). Un mani-fuori di Bettale seguito da un attacco largo di Alessandria chiudono una partita di fatto a senso unico nella quale la squadra di Mattioli ha allungato la serie positiva aperta prolungando la caccia alla capolista Acqui in un duello a distanza apertissimo.

Fabio Babetto

Attachment