B2F – Garlasco si morde la mani ma prepara la riscossa

Da “La Provincia Pavese”, 11 gennaio 2016

“Abbiamo preparato bene una partita, poi ne abbiamo giocata un’altra”. Sintetizza così Stefano Mattioli lo stop della sua Ambrovit sabato a Settimo Torinese nella partita che ha interrotto la serie positiva di nove gare consecutive. Fortunatamente ha perso anche Fiorenzuola a Genova e l’Ambrovit Garlasco conserva il secondo posto nel girone A di serie B2 femminile, ma il passo falso pesa. “Abbiamo giocato male al cospetto di una signora squadra che, complice lo stop del campionato di A2, ha potuto schierare diverse giocatrici che giocano di regola al piano di sopra. Ma questa non deve essere per noi una scusante dal momento che abbiamo approcciato male, commesso altri errori anche in battuta dove non siamo mai stati efficaci scegliendo di cercare il libero quando invece le consegne tattiche erano diverse”. A parziale scusante, non c’era la giovane Sofia D’Alessandro per l’Ambrovit nella partita di sabato a Settimo Torinese. “Mi avrebbe fatto molto comodo averla e schierarla in una partita del genere che, alla fine, abiamo buttato via perdendo ai vantaggi due set nei quali avremmo potuto, con poco, cambiare la storia della sfida”, liquida la questione coach Mattioli ed archivia una partita che l’Ambrovit ha perso a dispetto dei 29 punti messi a terra da Lucia Cagnoni. Sabato prossimo sarà derby casalingo contro la Colombo Impianti Certosa, reduce a sua volta dalla sconfitta in tre set rimediata nell’anticipo di venerdì sul campo della Pavic Romagnano. Una sconfitta che, però, ha ulteriormente confermato il trend di crescita delle giovanissime di coach Antonio Rinaldi, imprevedibili e capaci di rientare nel terzo set da 23-11 a 24-24 per poi perdere con sfortuna la frazione e la partita ai vantaggi. E se Certosa continua a giocare senza guardare la classifica, ma seguendo un progetto di crescita costante delle giovani, per Garlasco il derby sarà una trappola in cui ha tutto da perdere e poco da guadagnare.
Fabio Babetto