B2F – Garlasco a passo di carica

Da “La Provincia Pavese”, 14 marzo 2016

L’Ambrovit Garlasco passa anche a Borgosesia, terreno di gioco del forte Pavic Romagnano e continua il suo braccio di ferro in vetta al girone A di serie B2 femminile alla pari con Acqui Terme che, a sua volta, passa in tre set ad Albisola.
Al momento, la parità in classifica è rotta a favore di Garlasco dal miglior quoziente set, ma la volata di quest’ultima parte di stagione si preannuncia avvincente, con l’Ambrovit che, proprio sabato a Borgosesia, ha esaurito le sfide con tutte le squadre di prima fascia e, da sabato prossimo, quando riceverà Biella, inizierà l’ultimo quarto di campionato con un calendario che proporrà incontri solo con formazioni di centro-bassa classifica. Quanto alla trasferta vittoriosa di sabato scorso a Borgosesia contro Romagnano, è moderata la soddisfazione di coach Stefano Mattioli.
«Ancora una volta, venivamo da una settimana difficile, con acciacchi per diverse giocatrici. La stessa nostra palleggiatrice Barbara Pagnin giovedì sera si è allenata con la febbre», è la premessa di Stefano Mattioli.
«In campo, poi, la squadra ha prodotto una discreta prestazione, ancora con molte cose da migliorare e, come era successo contro Galliate in casa sette giorni prima, anche questa volta l’ingresso di alcune ragazze dalla panchina in momenti delicati, come nel terzo set, si è rivelato determinante in positivo».
Coach Mattioli minimizza anche il valore di un secondo set in cui, come il largo parziale sembra confermare, l’Ambrovit ha dominato le avversarie senza storia.
«Più che meriti nostri, in quella frazione, credo che siano state le nostre avversarie che hanno sbagliato di tutto e di più».

In avvio, la sfida è molto equilibrata (7-8 e 14-16 i parziali alle prime due sospensioni tecniche). Poi, sale in cattedra Lucia Cagnoni che spariglia il punteggio con una serie di giocate da par suo (15-21) ed il finale di periodo viene amministrato in scioltezza dalle ragazze di coach Mattioli. Il secondo set si apre con un break perentorio dell’Ambrovit (1-8) che mette la frazione subito in discesa. Romagnano si disunisce e commette parecchi errori gratuiti (4-16 e 7-21), il periodo si chiude rapidamente per Garlasco. Il terzo ha una storia diversa, con Romagnano che prova a riaprire la partita e tiene testa alle ragazze di coach Mattioli (7-8, 16-14, 19-21) e nel finale, gli ingressi di Marin e D’Alessandro sono importanti, con due punti vitali proprio della giovane centrale nel momento più delicato, evitando un pericoloso prolungamento del confronto. «Adesso, esaurito il ciclo delle partite difficili, iniziano le gare pericolose, ma tutto dipende da noi», chiude coach Mattioli.

Fabio Babetto
(immagine di Paola Trapelli)

Attachment