B1F – RASSEGNA STAMPA : ANALISI POST DERBY

Da “La Provincia Pavese” del 27.03.17

LA FLORENS E’ TORNATA, AMBROVIT NON FA DRAMMI

B1 femminile. Vinto il derby, Vigevano può ancora chiudere sesta. Garlasco si gode la baby Nicchi

Peccato che questa Re Marcello Vigevano abbia trovato quadratura e passo giusti soltanto adesso che manca un mese alla fine della stagione. Il derby vinto con caparbietà a Garlasco vale la terza vittoria consecutiva per nove punti che danno tutt’altro risalto alla classifica del sestetto ducale. A Garlasco a vinto la squadra soprattutto per la lucidità e concretezza nei momenti difficili. Due, in particolare, i momenti chiave, ovvero i finali del primo e del quarto set ai quali l’Ambrovit si è presentata sempre in vantaggio e a un passo dalla vittoria. A turno, De Stefani, Crotti e Martini hanno messo giu palla capitalizzando le scelte oculate di Bruzzone. Le percentuali migliori della Re Marcello sia in attacco che in ricezione dicono già molto del match, ma è stata la tranquilla caparbietà l’arma vincente di una Florens molto lucida e concreta che ora può porsi nelle ultime cinque partite l’obiettivo di un sesto posto ancora possibile e qualche soddisfazione da togliersi, magari già sabato prossimo in casa con la big Trescore Balneario. Per contro, Silvia Strigazzi dell’Ambrovit Garlasco, la prende con filosofia e digerisce in fretta il derby perso in casa dalla sua squadra contro la Florens Re Marcello Vigevano sabato pomeriggio: “Certo, sarebbe stato bello poter dire il giorno dopo che avevamo battuto una squadra forte come la Florens, ma alla fine ci sta la sconfitta contro una rosa dalla cifra tecnica superiore alla nostra”. La patron trova, anzi, motivi di soddisfazione a cominciare dalle parole che spende per la palleggiatrice Miriam Nicchi, che non ha avuto una serata brillante nel derby. “Miriam è partita per fare il cambio in questa nostra prima stagione in B1 e si è ritrovata a giocare da titolare dalla prima giornata per i problemi fisici di Barbara Pagnin. Posso solo ringraziarla per come ha affrontato questa avventura, per lo spirito e il contributo e la salvezza quasi matematica per un bel pezzo è certamente anche sua”. In effetti la giovane regista ha superato ogni aspettativa al confronto con il salto di categoria e ruolo e ci sta, in questa fase in cui tutta l’Ambrovit pare scarica e forse un po’ appagata, abbia fatto fatica in un derby in cui è stata anche poco aiutata da una ricezione di squadra brutta e insufficiente. Mancano cinque giornate alla fine della stagione e probabilmente già sabato, forse anche in caso di sconfitta ad Albese, l’Ambrovit potrà festeggiare la salvezza matematica e dedicarsi al progetto della prossima stagione e, probabilmente, anche di una rifondazione per un nuovo ciclo dopo che quello attuale ha brillantemente svolto il suo percorso salendo in B1 e mantenendo la categoria. Per intanto, però, c’è da chiudere al meglio la stagione cercando di interrompere la striscia negativa aperta e prolungata e la trasferta di Albese è difficile, ma possibile.

Fabio Babetto